Digital Marketing

Rebranding: cos’è e come farlo

Rebranding

Cos’è il rebranding

Il rebranding è il processo di cambiare l’immagine di un’azienda, può includere un nuovo logo, design, strategie di marketing e comunicazione per creare una nuova identità per l’azienda, prodotto o servizio migliorando la percezione dei clienti. Rinnovare la brand identity riflettere cambiamenti aziendali o correggere eventuali problemi di reputazione.

Ma fare rebranding non significa solo cambiare il logo o i colori del brand, in un ottica di rebrandig totale implica una revisione completa dell’immagine aziendale, dei valori, della mission e dell’esperienza del cliente. Tale processo è un passo importante per rinnovare un’azienda e rimanere rilevante nel mercato che cambia repentinamente.

Quando e perché fare rebranding

Il rebranding può essere necessario per diversi motivi, ad esempio per rinfrescare un’immagine obsoleta, per cogliere nuove opportunità di mercato, per rispondere ai cambiamenti delle esigenze dei consumatori, per correggere una reputazione danneggiata o per consolidare un nuovo posizionamento strategico.

Il processo di rebranding coinvolge solitamente diverse fasi, tra cui la valutazione dell’attuale identità di marca, l’analisi dei concorrenti e del mercato, la definizione degli obiettivi di rinnovamento, la creazione di nuovi elementi di brand identity, la definizione di nuove strategie di comunicazione e marketing, e infine la comunicazione del cambiamento ai clienti e agli stakeholders.

Il rebranding è un processo complesso e strategico che mira a rinnovare l’identità di un’azienda per adattarla alle nuove sfide e opportunità del mercato, migliorando così la percezione e il valore del marchio per il pubblico target.

Il rebranding quindi può essere necessario per una varietà di motivi, come adattarsi a cambiamenti nel mercato, target di riferimento o tecnologie emergenti. Tuttavia, è importante farlo in modo strategico e ben pianificato per evitare confusione tra i clienti esistenti e potenziali.

Come pianificare un rebranding efficace

  • Analisi e comprensione del mercato e del target di riferimento: Prima di intraprendere qualsiasi modifica, è fondamentale avere una chiara comprensione del mercato in cui si opera, della concorrenza e dei bisogni dei propri clienti.
  • Definizione degli obiettivi di rebranding: Quali sono gli obiettivi che desideri raggiungere con il rebranding? Ad esempio, potresti voler aumentare la consapevolezza del brand, rafforzare la tua posizione nel mercato o attrarre nuovi clienti.
  • Creazione di una nuova identità di marca: Questo include il design di un nuovo logo, il restyling del sito web e di altri materiali di marketing, la definizione di una nuova strategia di comunicazione e di tono di voce.
  • Pianificare le spese: Il financial plan per il rebranding dovrebbe includere una stima dettagliata dei costi associati alla creazione di un nuovo logo, alla progettazione di materiale di marketing, alla realizzazione di un nuovo sito web, alla stampa di materiale promozionale, alla distribuzione di comunicazioni ai clienti e dipendenti, e a eventuali altre spese correlate. Inoltre, è importante considerare anche i costi di tempo e risorse necessari per gestire il processo di rebranding.
  • Coinvolgimento dei dipendenti e dei clienti: Coinvolgere internamente il team aziendale e i clienti nella fase di rebranding può aiutare a garantire una transizione più fluida e a raccogliere feedback preziosi.
  • Sviluppare una strategia di rebranding: Basandosi sugli obiettivi stabiliti e sul feedback delle parti interessate, è il momento di sviluppare una strategia di rebranding dettagliata. Questo dovrebbe includere la definizione della nuova identità di marca, la creazione di un piano di comunicazione e marketing, e la pianificazione delle attività di implementazione.
  • Lancio e promozione del nuovo brand: Una volta definita la nuova identità di marca, è essenziale comunicare in modo efficace il cambiamento ai clienti, ai fornitori e al pubblico in generale.
  • Monitoraggio e valutazione: Dopo il lancio del nuovo brand, è importante monitorare l’efficacia del rebranding e apportare eventuali modifiche o aggiustamenti in base ai feedback ricevuti.

Con una buona pianificazione il rebranding può essere un’opportunità per rinfrescare e rinvigorire il tuo brand, ma deve essere pianificato attentamente per garantire il successo a lungo termine. Seguire questi passaggi chiave può aiutarti a gestire con successo il processo di rebranding e a mantenere la tua azienda allineata con le mutevoli esigenze del mercato.

Rebranding

Il momento giusto per il rebranding

In ogni cosa che si fa, c’è sempre il momento giusto. Ecco alcuni suggerimenti per scegliere il momento adatto per avviare il processo di rebranding.

  • Evitare periodi di alta attività: cercate di evitare di lanciare il rebranding durante periodi di alta attività aziendale o durante festività o eventi di grande richiamo per non rischiare di passare inosservati.
  • Analizzare il mercato: monitorate attentamente il vostro settore di riferimento e cercate di individuare periodi in cui ci sia meno concorrenza o meno rumore mediatico per far sì che il vostro rebranding abbia maggiore visibilità.
  • Coinvolgere i clienti: coinvolgete i clienti comunicando in anticipo i cambiamenti. Potreste organizzare sondaggi o focus group per ottenere informazioni utili per il vostro rinnovamento.
  • Considerare la stagionalità: valutate se il vostro rebranding potrebbe beneficiare di un lancio durante una determinata stagione dell’anno, ad esempio in occasione di eventi specifici o periodi di maggiore consumo.
  • Pianificare con cura: pianificate con cura ogni dettaglio del vostro rebranding, inclusa la scelta del momento giusto per il lancio. Non abbiate fretta, preparate un piano d’azione dettagliato con obiettivi chiari e tempistiche precise per assicurarvi di non lasciare nulla al caso.

In definitiva, la scelta del momento giusto per il rebranding dipenderà dalle specifiche esigenze della vostra azienda e dal contesto di mercato in cui vi trovate. Prendetevi il tempo necessario per valutare attentamente tutte le opzioni e assicuratevi di essere pronti, prima di lanciare il vostro rinnovamento.

Esperti di marketing e branding

È consigliabile consultare esperti di marketing e di branding per farsi guidare ed ottenere una stima accurata dei costi e delle risorse necessarie, è importante pianificare correttamente e attentamente la gestione del budget e monitorare da vicino le spese durante il processo di rebranding per assicurarsi di rimanere all’interno dei limiti prefissati. Infine, è importante tenere presente che il rebranding può richiedere tempo prima che si rifletta sui risultati finanziari dell’azienda, bisogna essere pazienti, è un po’ come fare Seo, bisogna avere un piano a lungo termine per valutare l’impatto sulle performance finanziarie dell’azienda.

Rebranding famosi a cui ispirarsi

Di seguito elenchiamo alcuni esempi di aziende che hanno affrontato un rebranding parziale o totale, ecco come cambiano..

Rebranding Peugeot

Il nuovo logo Peugeot consiste in un leone rampante stilizzato, con una criniera dinamica e dinamica che trasmette energia e potenza. Il colore blu navy è stato scelto per rappresentare la solidità e l’affidabilità del marchio, mentre il bianco simboleggia la purezza e la modernità.

rebranding peugeot

Questo nuovo logo è stato progettato per adattarsi alle nuove sfide del settore automobilistico e per riflettere l’impegno di Peugeot verso la sostenibilità e l’innovazione. Con il suo design elegante e moderno, il logo Peugeot si propone di consolidare la leadership del marchio nel mercato automobilistico e di attrarre una nuova generazione di clienti.

Inoltre, il nuovo logo è stato accompagnato da un aggiornamento del motto del marchio, che ora recita “Unboring the Future”. Questa frase sottolinea l’impegno di Peugeot a rompere gli schemi e a innovare costantemente, per offrire esperienze di guida emozionanti e all’avanguardia.

In definitiva, il nuovo logo di Peugeot rappresenta un importante passo avanti nella trasformazione del marchio e nella sua volontà di restare al passo con i tempi, offrendo prodotti e servizi di alta qualità che soddisfano le esigenze e i desideri dei consumatori moderni.

Rebranding Mastercard

Questa mossa di rebranding ha lo scopo di modernizzare e semplificare l’identità visiva della Mastercard, rendendola più adatta all’era digitale in cui viviamo. L’azienda ha deciso di puntare su un design pulito e immediatamente riconoscibile per distinguersi dalla concorrenza e comunicare in modo più efficace con il suo pubblico.

rebranding mastarcard

Il nuovo logo, composto semplicemente da due cerchi sovrapposti di colore giallo e rosso, rappresenta l’essenza della Mastercard: connessione, sicurezza e fiducia. Questi valori sono chiaramente espressi attraverso il simbolo universale dei cerchi, che simboleggiano anche l’interconnessione e l’equilibrio tra diversi elementi.

La scelta di mantenere i colori tradizionali della Mastercard, giallo e rosso, sottolinea la continuità con il passato e l’importanza della storia dell’azienda. Allo stesso tempo, il nuovo design porta un tocco di freschezza e modernità, adattandosi alle nuove tendenze e alle esigenze dei consumatori di oggi.

In definitiva, il rebranding della Mastercard evidenzia la volontà dell’azienda di evolversi e rimanere al passo con i tempi, mantenendo sempre al centro la customer experience e la fiducia dei propri clienti.

Rebranding Burger King

Oltre al rebranding Burger King ha introdotto nuovi packaging eco-sostenibili e menu completamente rivisitati, con un focus maggiore su opzioni vegetariane e vegane per rispondere alle crescenti esigenze dei consumatori attenti alla sostenibilità e alla salute.

Il rebranding ha anche coinvolto una strategia di marketing rinnovata, con campagne pubblicitarie audaci e innovative che puntano a attirare nuovi clienti e a riconfermare la fedeltà dei consumatori esistenti.

rebranding burger king

Complessivamente, il nuovo look e la nuova offerta di Burger King mirano a rilanciare il marchio e a consolidare la sua posizione nel mercato dei fast food, offrendo un’esperienza culinaria più diversificata, accessibile e sostenibile per i consumatori di tutto il mondo.

Rebranding Facebook

Il rebranding di Facebook in Meta riflette l’evoluzione dell’azienda verso nuove frontiere tecnologiche e una visione più ampia del suo ruolo nel mondo digitale. Meta rappresenta un ponte tra il nostro mondo fisico e il mondo virtuale, dove le persone possono connettersi, creare e condividere esperienze in modi completamente nuovi e innovativi.

rebranding facebook meta

Con Meta, l’azienda mira a costruire un futuro in cui la realtà virtuale e la realtà aumentata saranno parte integrante della nostra vita quotidiana, trasformando il modo in cui ci connettiamo, lavoriamo, giochiamo e apprendiamo. Questo nuovo nome e identità riflettono l’impegno dell’azienda verso l’innovazione e l’esplorazione di nuove possibilità tecnologiche.

In definitiva, il rebranding di Facebook in Meta segna una nuova era per l’azienda, in cui si aprono infinite opportunità per creare un mondo digitale più inclusivo, coinvolgente e interconnesso. Siamo entusiasti di vedere cosa riserverà il futuro con Meta al timone e di esplorare insieme le possibilità offerte da questa nuova realtà virtuale.

Rebranding Airbnb

Il rebranding di Airbnb è stato fatto per riflettere i valori e il messaggio dell’azienda in modo più chiaro ed efficace. In particolare, l’azienda ha voluto aggiornare il suo marchio per comunicare in modo più accurato la sua missione di creare connessioni tra persone provenienti da diverse parti del mondo e offrire esperienze di viaggio autentiche e uniche.

rebranding airbnb

Inoltre, Airbnb ha voluto rinnovare il suo marchio per distinguersi dalla concorrenza e rimanere al passo con l’evoluzione del settore del viaggio e dell’ospitalità. Il nuovo design del marchio è stato progettato per essere più moderno, fresco ed accattivante, senza perdere il legame con l’originaria identità visiva dell’azienda.

Inoltre, il rebranding è stato anche un modo per Airbnb per dimostrare la sua volontà di crescere e innovarsi costantemente, mantenendo al contempo la sua autenticità e la sua dedizione alla comunità globale di host e guest.

Rebranding Alitalia

L’obiettivo principale di questo rebranding è quello di rilanciare la compagnia aerea sul mercato globale, posizionandola come un marchio moderno e innovativo, in grado di competere con le altre compagnie di bandiera europee e internazionali.

Rebranding Alitalia - ITA Airways

ITA Airways si propone di essere un ambasciatore del made in Italy nel mondo, promuovendo la cultura, la tradizione e l’eccellenza italiana attraverso i propri servizi e la propria offerta a bordo.

Con questo nuovo corso, ITA Airways si prefigge di diventare un punto di riferimento nel settore dell’aviazione, offrendo ai propri passeggeri un servizio di alta qualità e un’esperienza di viaggio indimenticabile.

Inoltre, ITA Airways ha annunciato un rinnovamento anche del proprio servizio a bordo, con nuove proposte culinarie e di intrattenimento per offrire un’esperienza di viaggio ancora più confortevole e soddisfacente ai propri passeggeri.

Vantaggi del rebranding

I vantaggi del rebranding includono:

  • Miglioramento della percezione del marchio: un rebranding ben eseguito può aiutare a migliorare l’immagine del marchio agli occhi del pubblico target, aumentando la fiducia e la fedeltà dei clienti.
  • Differenziazione dalla concorrenza: un nuovo look e una nuova strategia di branding possono aiutare un’azienda a distinguersi dai concorrenti e a posizionarsi in modo unico sul mercato.
  • Attenzione mediatica e aumento dell’interesse: un rebranding ben pubblicizzato può attirare l’attenzione dei media e dei consumatori, generando interesse e buzz intorno al marchio.

Rischi associati al rebranding

Tuttavia, ci sono anche dei rischi associati al rebranding, tra cui:

  • Perdita di riconoscibilità: cambiare troppo radicalmente l’identità del marchio potrebbe portare a una perdita di riconoscibilità da parte dei clienti fedeli, causando confusione e riducendo la fiducia nel marchio.
  • Costi finanziari e risorse: il rebranding può essere un processo costoso e richiedere tempo e risorse considerevoli, specialmente se coinvolge la creazione di nuovi materiali di marketing e la comunicazione del cambiamento agli stakeholder.
  • Reazioni negative dei clienti: alcune persone potrebbero resistere al cambiamento e mostrare un’aperta avversione al nuovo branding, mettendo a rischio la reputazione del marchio.

Pertanto, è essenziale pianificare attentamente il rebranding, coinvolgere gli stakeholder chiave nel processo decisionale e comunicare in modo trasparente e onesto i motivi dietro il cambiamento per minimizzare i rischi e massimizzare i vantaggi della nuova identità del marchio.

Una buona strategia di rebranding

Infine, una buona strategia di rebranding deve essere supportata da una ricerca approfondita, coinvolgimento dei clienti e una pianificazione dettagliata. Inoltre, è importante comunicare in modo chiaro e trasparente i motivi dietro il cambiamento e coinvolgere tutti gli stakeholder nel processo.

I vantaggi di un rebranding ben eseguito possono essere significativi, inclusi un rinnovato interesse da parte dei clienti, un’immagine più moderna e competitiva e un aumento delle vendite. Tuttavia, i rischi di un rebranding sconsiderato possono essere altrettanto grandi, incluso il disorientamento dei clienti fedeli, la perdita di identità del marchio e la confusione sul mercato.

In ultima analisi, un rebranding dovrebbe essere visto come un’opportunità per rinnovare e rafforzare il marchio, ma dovrebbe essere gestito con cura e attenzione per garantire un’esecuzione efficace e positiva.

Potrebbe anche interessarti...